→ SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 20 EURO → Consegna in Max 2 gg lavorativi - 3 gg per le isole

Effetti collaterali olio di cbd: una panoramica su alcuni possibili casi

L'olio di CBD è un prodotto in grado di offrire numerosi vantaggi che possono contribuire a migliorare la tua salute e il tuo benessere quotidiano, tale da essere incluso nell'insieme della Cannabis Terapeutica. Quello che molti si chiedono è... quali sono gli effetti collaterali del cbd?

Sappiamo che chi utilizza l'olio di CBD, altri cannabinoidi o altri estratti di cannabis prevalentemente cerca un rimedio naturale per il dolore, l'ansia, l'insonnia o lo stress.

Nonostante sia una molecola naturale ben tollerata, è proprio intorno a queste aree che si concentrano alcune delle domande più comuni, cui vogliamo rispondere in questo articolo.

Se vuoi fare un passo indietro e scoprire che cos'è il Cannabidiolo e in generale gli effetti del cbd, puoi guardare questo video.

 

L'olio di CBD può provocare incubi?

Questa è un'area che necessita di molta più ricerca scientifica.

Al momento, non ci sono prove aneddotiche o cliniche che dimostrino che il CBD causi ansie o disturbi notturni o incubi. Al contrario, molte persone credono che migliori la qualità del sonno e li faccia sentire pieni di energia e riposati il ​​giorno successivo.

Sebbene possa attivare una serie di benefici legati al sonno, non è dimostrato che questa interazione possa avere anche un impatto sui sogni.

Se qualcuno dovesse soffrire di incubi mentre assume , stabilire che sia la causa principale di questi brutti sogni sarebbe molto difficile.

Questo perché il modo in cui sogniamo può essere influenzato da diversi fattori, che comprendono i livelli di energia del nostro corpo, la dieta che stiamo seguendo e i diversi umori o stati psicologici personali.

Lo stress del lavoro quotidiano, l'aumento del carico di lavoro e le preoccupazioni per il futuro possono influenzare i nostri sogni. Pertanto, con tutti questi fattori presenti, individuare la fonte esatta degli incubi è una grande sfida, anche per i più quotati psicologi del panorama accademico.

Alcuni utenti hanno riportato di esperire strani sogni durante l'utilizzo di prodotti a base di CBD.

Tuttavia, è possibile che siano casuali. La ricerca sugli effetti del THC e sui modelli di sonno ha rivelato che il THC riduce la fase REM, aumentando la quantità di sonno profondo sperimentata dagli utenti.

Alcuni utenti che hanno smesso di assumerlo prima di andare a letto hanno segnalato un aumento del verificarsi di sogni vividi.

Altri consumatori di CBD hanno affermato che la loro capacità di ricordare i sogni migliora durante l'assunzione.

Detto questo, non ci sono ancora prove cliniche o aneddotiche disponibili per dimostrare che il Cannabidiolo peggiora i sogni o provoca incubi o terrori notturni.

Gli studi hanno dimostrato che il CBD potrebbe essere efficace nel ridurre i livelli di ansia, con molti consumatori che testimoniano di come si addormentino più facilmente grazie all'utilizzo dell'estratto di cannabis.

Alcune ricerche hanno affermato che gli effetti di miglioramento del sonno potrebbero essere un risultato diretto della riduzione di ansia, del dolore e del sollievo dall'infiammazione forniti dal CBD.

Questo perché tutti questi fattori potrebbero ridurre le possibilità che un individuo stanco abbia una notte riposante e rigenerante.

cbd effetti collaterali

 

L'olio di CBD può causare diarrea?

L'olio di CBD potrebbe causare diarrea in alcune persone a causa della reazione naturale del corpo a nuovi principi attivi.

Poiché il CBD ha ricevuto attenzione da tutto il mondo come un prodotto naturale in grado di alleviare varie condizioni come dolore, infiammazione e ansia, i suoi effetti collaterali positivi sono stati ben documentati.

Tuttavia, discutendo di eventuali effetti collaterali negativi che ci si potrebbe aspettare, i nuovi utenti che si approcciano al CBD possono prepararsi mentalmente alla possibilità che qualcuno di questi effetti si verifichi.

Nel 2017 è stato condotto uno studio per identificare tutti i possibili effetti collaterali che l'assunzione di olio di CBD potrebbe causare. Alcuni di questi effetti includevano una leggera riduzione della pressione sanguigna, un aumento della sonnolenza la sera e diarrea.

In effetti, diarrea e la perdita di peso erano gli effetti collaterali più comuni notati da tutti gli utenti inclusi nello studio. Tuttavia, questi sintomi erano prevalenti solo negli utenti che utilizzavano frequentemente integratori di CBD per trattare condizioni croniche.

Lo studio non è stato in grado di individuare la causa esatta della diarrea perché la ricerca stessa non era direttamente collegata all'intestino. Ci sono diverse possibili cause che potrebbero essere responsabili della diarrea negli utenti  intervistati.

In primo luogo, la diarrea è una reazione naturale frequente del corpo quando viene somministrato un nuovo farmaco, a prescindere dalla sua natura.

Questo perché la reazione naturale del nostro corpo a una nuova sostanza può essere eccessivamente cautelativa e conservativa e la diarrea è un modo per purificare il corpo da anomalie e sostanze indesiderate.
Questo è il modo in cui il corpo reagisce e si difende da un cambiamento nel suo equilibrio biochimico.

L'uso del CBD è noto anche per ridurre gli attacchi di fame nell'intervallo tra diversi pasti nell'arco della giornata. 
Questa riduzione della sensazione di appetito può creare un cambiamento nelle nostre abitudini alimentari,diversi intervistati che confermano di mangiare di meno durante il giorno.

Sebbene questa sia una buona cosa per chi vuole perdere peso, in molte persone un cambiamento nei modelli alimentari può provocare diarrea.

Per concludere, sebbene l'assunzione di CBD non abbia dimostrato di causare direttamente correlate con la diarrea, le reazioni naturali del nostro corpo ai cambiamenti nella dieta e a nuovi integratori possono causare diarrea per alcuni consumatori.

L'olio di CBD può causare mal di stomaco?

L'olio di CBD in sè non è generalmente causa di nausea, mal di stomaco o crampi.

Tuttavia, gli oli vettore e altri ingredienti utilizzati nella produzione dell'olio di CBD possono causare crampi e dolore in alcune persone. Inoltre, i difetti di produzione che possono verificarsi, portano alla messa in commercio di prodotti scadenti che potrebbero causare, in alcuni casi, mal di stomaco dopo l'assunzione.

A parte questi fattori potenzialmente negativi, il CBD è noto al contrario per trattare diversi problemi di stomaco.

In passato, il CBD ha mostrato risultati promettenti nel ridurre il reflusso acido e nell'aiutare il processo di guarigione delle ulcere gastriche.

Poiché il CBD si lega ai recettori CB1 nel sistema endocannabinoide del corpo, i livelli di acido gastrico diminuiscono, aiutando l'esofago inferiore a prevenire il reflusso acido e aumentando il flusso sanguigno al rivestimento dello stomaco, permettendogli di guarire più rapidamente.

Il CBD può anche aiutare a curare il tratto digestivo e a ridurre stati infiammatori.

Nel momento in cui si acquista un prodotto a base di CBD, è fondamentale che i consumatori si assicurino una provenienza testata e certificata. 

Come con tutti gli integratori, la qualità del prodotto fa un'enorme differenza negli effetti collaterali negativi e negli effetti positivi che questi prodotti possono attivare.

Se la canapa o la cannabis sativa vengono coltivate in un terreno povero o i cannabinoidi vengono estratti utilizzando sostanze chimiche aggressive, o se il prodotto proviene da diversi luoghi, la qualità del prodotto può essere compromessa.

Gli oli vettore con cui si produce l'olio di CBD comprendono: oli di semi di canapa, olio di oliva e olio di cocco.

Le persone che acquistano prodotti a base di olio di CBD dovrebbero controllare e verificare la natura di questi oli vettore per assicurarsi di non avere allergie agli ingredienti presenti.

Ad ogni modo, in qualsiasi caso si provino disturbi gastrointestinali nel periodo di assunzione del CBD, si consiglia di interromperne l'assunzione per un giorno o due, in modo da verificare se il disagio avvertito sia direttamente attribuibile al consumo di CBD o fattori esterni come il regime alimentare, lo stress o altri fattori correlati allo stile di vita.

Alcuni pazienti affetti dalle più diverse condizioni possono a volte riportare secchezza delle fauci.

Se i problemi gastrointestinali persistono, una buona alternativa è provare ad assumere CBD attraverso la vaporizzazione.

effetti olio cbd

 

L'olio di CBD può influire sul tuo fegato?

Nel 2019, uno studio sui roditori ha fatto notizia poiché ha rivelato che dosi incredibilmente elevate di CBD potrebbero danneggiare il fegato di topi di 8 settimane.

Tuttavia, non ci sono prove aneddotiche o scientifiche che suggeriscano che il CBD causi danni al fegato o ostacoli la funzionalità epatica negli esseri umani.

Uno studio dell'Arkansas University ha studiato l'impatto di varie dosi di trattamento a base di CBD su un gruppo di giovani topi.

La maggior parte di questi topi ha tollerato il CBD.

Tuttavia, quelli a cui sono state somministrate dosi elevate hanno mostrato segni di tossicità epatica. Inoltre, il dosaggio ripetuto di piccole quantità di CBD, equivalenti a 50 mg nell'uomo, ha mostrato segni di danni al fegato e gonfiore in quella zona specifica.

Sebbene dosi equivalenti ala quantità somministrata ai topi durante l'esperimento, ovvero 200mg, non siano plausibili nelle situazioni di vita reale, questo studio potrebbe rivelare informazioni importanti sulle conseguenze del sovradosaggio di CBD.

 

L'olio di CBD può influire sulla pressione sanguigna?

Le prove rivelate da un recente studio suggeriscono che l'olio di CBD potrebbe aiutare a ridurre la pressione sanguigna e promuovere la salute cardiovascolare.

Questi studi mostrano il CBD come un vasodilatatore, il che significa che aiuta a consentire un flusso sanguigno sano attraverso i vasi sanguigni, normalizzando la pressione sanguigna.

Il CBD fornisce anche potenziali effetti neuroprotettivi che aiutano a proteggere il cuore da varie condizioni cardiovascolari, compresi gli ictus, ovviamente accompagnato da un regime alimentare e di vita che deve essere il più possibile attivo e propenso al movimento.

È stato anche suggerito che il CBD potrebbe aiutare a mantenere il normale ritmo cardiaco e migliorare le prestazioni del cuore dopo un infarto.

La ricerca indica anche che i nostri sistemi cannabinoidi producono endocannabinoidi, che aiutano a regolare la pressione sanguigna grazie alla loro interazione con i recettori cannabinoidi, ottenendo anche effetti positivi sul sistema immunitario.

Il CBD ha effetti sia analgesici che ansiolitici, aiutando a ridurre la pressione sanguigna a riposo e l'ipertensione da stress. Lo stesso studio ha dimostrato che nei maschi adulti, il CBD ha ridotto la pressione sanguigna sistolica in media di 5 mmHg prima e dopo lo stress.

La somministrazione di CBD ha anche aiutato a ridurre la pressione sanguigna di 6 mmHg durante i periodi di riposo.

Una dieta sana, combinata con un regolare esercizio fisico, può anche aiutare a prevenire l'ipertensione.

 

Abbiamo tante altre cose da dirti, cosa ti può interessare?

CHE COS'É IL CBD?

SCOPRI I PRODOTTI

PERCHÉ SCEGLIERE ENECTA?

POSSO PROVARE IL CBD?

 

Vuoi avere maggiori informazioni sul CBD e l'olio di CBD?
Puoi scaricare gratuitamente la nostra guida.

New call-to-action

0 commenti

"