→ SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 20 EURO → Consegna in Max 2 gg lavorativi - 3 gg per le isole

CBD e dolori articolari

Che relazione c’è tra Cbd, o Cannabidiolo, e dolore cronico? È vero che il Cbd estratto dalle piante di Cannabis può, attraverso il nostro sistema endocannabinoide, darci sollievo dal dolore? Il cbd può aiutare nel caso di dolori articolari e artrite reumatoide? Sono molti gli studi scientifici che hanno sottolineato il potenziale terapeutico dell’olio di cbd, composto da estratto di CBD puro mescolato in olio vettore derivato dai semi di canapa, un rimedio naturale praticamente senza effetti collaterali.

Andiamo quindi a scoprire in questo articolo come il CBD può alleviare i sintomi dei dolori articolari, una delle condizioni più sottovalutate dei tempi moderni. Scopriamo insieme, in questo articolo, come il cannabidiolo possa diventare un valido alleato per contrastare una condizione diffusa quanto sfumata e spesso non diagnosticata nel modo corretto.

 

Faremo una panoramica su diversi temi quali:

  1. Uno scenario generale sul tema dolori articolari
  2. Cosa intendiamo per dolori articolari
  3. Quali sono i diversi tipi di dolori articolari
  4. Quali sono le terapie attualmente utilizzate per il trattamento dei dolori articolari?
  5. CBD e dolori articolari
  6. CBD e olio di CBD, cosa c’è da sapere


In generale sui dolori articolari

Spesso consideriamo i dolori articolari come un sintomo dell'invecchiamento: qualche dolore al ginocchio qua e là, il collo dolorante al mattino, o la schiena stretta dopo essere stati seduti troppo a lungo.

Snocciolando un pò di cifre, scopriamo che 91 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di dolori articolari o di qualche forma di artrite, secondo il National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases, tra cui 61 milioni di persone tra i 18 e i 64 anni.

Secondo l'Istituto, questo è circa il 68% in più rispetto a quanto riportato in precedenza, in particolare tra gli adulti di età compresa tra i giovani e le persone di mezza età.

In Italia questa condizione coinvolge invece quattro milioni di persone, circa il 12.1% della popolazione

I dolori articolari possono avere conseguenze di vasta portata ben oltre il dolore fisico o l'impatto sulla qualità della vita. Ci sono diversi aspetti e  impatti sottovalutati, ma importanti, soprattutto a livello economico e di salute pubblica, compresi i costi sanitari e i costi derivanti dalla perdita di produttività e dalla disabilità che può progredire fino a diventare invalidante, anche negli adulti di età inferiore ai 65 anni.

Una delle grandi sfide quindi è la modalità con cui trattare i dolori articolari.

Da un lato, ci sono i classici dolori derivanti da uno sforzo prolungato o da attività sportiva, intensi quanto circoscritti nel tempo. Ad esempio dopo una lunga giornata di sci, o un’escursione in montagna.
In questo caso, il riposo, il ghiaccio e se necessario un farmaco antinfiammatorio come l'ibuprofene potrebbero bastare per fare la differenza ed eliminare la condizione.

Dall’altra parte invece, trascurare dolori di entità minore può potenzialmente portare a condizioni che si aggravano durante il tempo, cronicizzandosi e richiedendo un approccio farmacologico più strutturato.

I farmaci antidolorifici generalmente prescritti dal medico, come gli oppioidi, sono molto comuni nel trattamento del dolore cronico, ma rimangono molto dubbi sugli effetti collaterali a lungo termine e su meccanismi di dipendenza e assuefazione. 

Possiamo vedere anche come vi siano avvertenze piuttosto restrittive associate ai tradizionali antidolorifici da banco, acquistabili in autonomia, con la maggior parte dei medici curanti che suggeriscono la dose più bassa possibile, per il periodo di tempo più breve, portando diversi utenti ad interrogarsi su come trattare il dolore articolare nel lungo periodo.

cbd sport artrosi dolore cronico

In questo panorama farmacologico, ci sono alcuni ricercatori che ritengono l'olio di cannabidiolo molto promettente nel campo della gestione del dolore articolare, in particolare come terapia alternativa o aggiuntiva del dolore.

Sebbene i risultati scientifici conclusivi siano preliminari e, per certi versi, limitati, gli esperti medici ritengono che il CBD abbia una serie di proprietà terapeutiche, in particolare come antinfiammatorio e nella riduzione del dolore.

Cosa intendiamo per dolore articolare?

Secondo la Mayo Clinic, i dolori articolari possono essere "disturbi, dolori o infiammazioni derivanti da qualsiasi parte di un'articolazione", comprese cartilagine, ossa, legamenti, tendini o muscoli.

Può tuttavia generarsi confusione una volta che si inizia a individuare la fonte del dolore. A volte, il dolore articolare deriva in realtà dalle strutture esterne alle articolazioni, come i legamenti, i tendini o i muscoli. Questo tipo di dolore può essere in realtà un'infiammazione dei tendini (ad es. tendinite), borsite (ad es. borsite) o qualcos'altro.

Quando il dolore deriva dall'articolazione vera e propria, è noto come artralgia. I dolori articolari sono talvolta, ma non sempre, accompagnati da un'infiammazione articolare, nota anche come artrite. In sostanza, se si ha l'artrite (infiammazione articolare), è probabile che si abbia anche l'artralgia (dolore articolare).

Torna su

Quali sono i diversi tipi di dolori articolari?

I dolori articolari sono generalmente acuti o cronici.

Il dolore articolare acuto è di solito quel dolore o quell'infiammazione temporanea che si può avvertire dopo un periodo di sovraffaticamento o di uso eccessivo, compreso un lungo periodo, movimenti ripetitivi come il sollevamento pesi, o una piccola lesione come una caviglia slogata.

Questo tipo di dolore articolare viene solitamente trattato con applicazioni antinfiammatorie come creme topiche, ghiaccio o farmaci da banco.

I dolori articolari acuti diventano più gravi quando diventano cronici, cosa che può accadere comunemente se non vengono trattati nella maniera corretta e con la dovuta attenzione.

Il dolore cronico alle articolazioni è più grave e a lungo termine e spesso si caratterizza come una condizione dolorosa che compromette gravemente la qualità della vita e la mobilità.

Questo tipo di forti dolori articolari è aumentato significativamente negli ultimi due decenni.

Secondo la Arthritis Foundation, ci sono oltre 100 diversi tipi di malattie e condizioni correlate alle articolazioni. I tipi più comuni includono:

  • L'osteoartrite
  • Artrite reumatoide
  • Artrite psoriasica
  • Fibromialgia
  • Gotta
  • Lupus
  • Dolore muscoloscheletrico
  • Condizioni della schiena e della colonna vertebrale (ad es. sciatica, scivolamento del disco, stenosi spinale)

Ogni condizione si sviluppa in modo diverso e colpisce le articolazioni, i legamenti, i tendini e i muscoli in modo separato, rendendo il trattamento altamente variabile e basato sulle condizioni specifiche dell'individuo.

 

Quali tipi di trattamento sono disponibili per i dolori articolari?

Poiché i dolori articolari possono variare molto da un paziente all'altro, le politiche di trattamento sono molto varie e flessibili, variando da medico a medico e su misura per soddisfare le esigenze di ciascun paziente, valutando anche opzioni che non prevedono l'uso di farmaci.

I trattamenti comuni per i dolori articolari acuti includono:

  • Farmaci da banco come il paracetamolo, l'ibuprofene e altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).
  • Esercizi fisici a basso impatto, come andare in bicicletta, nuotare o camminare.
  • Perdita e controllo del peso corporeo.
  • Terapia cognitivo-comportamentale, un approccio psicologico, volto ad aiutare i pazienti ad imparare a modificare i fattori scatenanti fisici ed emotivi del dolore e dello stress.

I dolori cronici alle articolazioni, come la gotta e l'artrite reumatoide, richiedono in genere un approccio medico più mirato, che comprende vari farmaci antinfiammatori destinati a lenire l'infiammazione o il disturbo o la malattia sottostante.

Torna su

CBD e dolori articolari

Esiste un numero crescente di ricerche scientifiche che studiano gli effetti antinfiammatori e analgesici del CBD, con la conclusione generale che il CBD appare sicuro ed efficace.

Tuttavia, i dolori articolari sono molteplici e un trattamento efficace dipende in gran parte dal paziente, dalla condizione specifica dell'articolazione e dalla raccomandazione di un medico.

Inoltre, gli studi medici spesso valutano gli effetti del CBD su specifiche condizioni articolari come il dolore neuropatico, l'osteoartrite, o l'artrite reumatoide piuttosto che l'ampio campo dei dolori articolari in generale.

Ciò significa che, sebbene uno studio possa rivelare gli effetti benefici del CBD su una specifica condizione articolare, non possiamo necessariamente estrapolare tali conclusioni al campo dei dolori articolari in generale.

Il crescente interesse per il CBD come alternativa naturale ai farmaci tradizionali sta tuttavia spingendo i ricercatori a esaminare più da vicino il Cannabidiolo. E sebbene le prove scientifiche siano preliminari, molti esperti esprimono un cauto ottimismo.

Quindi, ecco una panoarmica di quello che sappiamo sul CBD e sulle specifiche condizioni articolari cui si può applicare:

Dolore alle articolazioni

Uno dei pochi studi sui cannabinoidi focalizzati sull'ampio campo dei dolori articolari ha valutato gli effetti del THC, non del CBD. Tuttavia, i ricercatori hanno concluso, "ci sono numerosi rapporti aneddotici sull'efficacia del fumo di cannabis per i dolori articolari", anche se "questi rapporti non si estendono generalmente a studi clinici regolamentati per le malattie reumatiche".

Ciononostante, lo studio ha affermato, "i dati preclinici e umani che esistono indicano che l'uso di cannabis dovrebbe essere preso seriamente come potenziale trattamento del dolore articolare”.

Infiammazione

Uno studio del 2016 ha rilevato che un'applicazione quotidiana topica del CBD nei ratti artritici ha ridotto il gonfiore articolare e le risposte infiammatorie senza effetti collaterali negativi.

Un altro studio ha valutato gli effetti del CBD sulla proliferazione microgliale, che sono cellule in grado di innescare risposte infiammatorie. I ricercatori hanno scoperto che il CBD ha contribuito ad inibire l'assorbimento dell'adenosina e ha prodotto una risposta immunosoppressiva nei topi, anche se si avverte la necessità di ulteriori ricerche per determinare gli effetti a lungo termine dell'uso del CBD sui recettori dell'adenosina.

Artrite reumatoide

Nel 2000, i ricercatori hanno studiato gli effetti del CBD sui ratti indotti da una specifica forma di artrite reumatoide. Hanno scoperto che il CBD aveva "un leggero effetto terapeutico" a 10 e 20 mg / kg per ma non a 5 mg / kg al giorno o inferiore.

Un altro studio sull'artrite reumatoide che coinvolgeva soggetti umani ha testato il Sativex, medicinale a base di cannabis, per un periodo di cinque settimane. I ricercatori hanno osservato un "effetto analgesico significativo" e una diminuzione dell'attività della malattia, anche se hanno sottolineato la necessità di ulteriori ricerche.

Osteoartrite

Uno studio del 2017 ha valutato le potenzialità del CBD nel mitigare il dolore, l'infiammazione e il dolore neuropatico articolare somministrandolo a ratti osteoartritici. I ricercatori hanno scoperto che il CBD ha contribuito a ridurre l'infiammazione delle articolazioni e ad aumentare le soglie di sopportazione del peso, e ha contribuito a prevenire lo sviluppo di dolori articolari.
I ricercatori hanno concluso che il CBD potrebbe avere il potenziale per agire come trattamento profilattico, ovvero preventivo rispetto alla manifestazione della patologia.

Torna su

Esiste un modo sicuro per provare il CBD per i dolori articolari?

C'è molto interesse e curiosità intorno al CBD, soprattutto per la sua capacità di trattare le articolazioni doloranti con effetti collaterali negativi minimi.

Nel mondo dello sport, gli atleti hanno iniziato a sostituire i tradizionali antidolorifici a favore di prodotti  a base di CBD, tra cui olio, creme e integratori, aumentando il volume di vendita ed esposizione in moltissimi negozi di salute e benessere.

Qualsiasi sia il motivo per cui siete interessati a provare il CBD, sia un mal di collo o una condizione di articolazione più grave, è sempre bene informarsi.

Sul nostro sito avete la possibilità di trovare tutte le informazioni che cercate sul CBD, sopratutto scaricando una pratica e completa guida che contiene tutto quello che c'è da sapere sul CBD.

Vuoi saperne di più sul CBD, o ricevere uno sconto sul primo acquisto?

Inserisci la tua mail e ricevi gratuitamente la nostra guida completa sul CBD e un codice sconto esclusivo!

 

Quale prodotto con CBD dovrei scegliere?

La grande differenza tra i diversi prodotti risiede esclusivamente nella forma in cui si presenta il CBD, e quindi nella sua modalità di assunzione.

Gli oli ad esempio, i più conosciuti del "gruppo" sono utilizzati per la loro efficace e rapida azione sull'organismo, data dall'assunzione sublinguale. E' realizzato in diverse concentrazioni per adattarsi meglio alle specifiche evidenze. Gli Oli sono inoltre caratterizzati dalla presenza di diversi cannabinoidi, dando vita ad un prodotto cosiddetto Full Spectrum.

Al contrario, invece, i cristalli sono scelti per la loro assoluta presenza di un unico componente della cannabis, nel nostro caso CBD o CBG. Si assumono preferibilmente attraverso un vaporizzatore adatto allo scopo, in grado di controllare la temperatura.

Gli Eliquids, caratterizzati dalla presenza di un aroma naturale ed assiati perciò ad una modalità di consumo differente - una sorta di CBD "On the Go"- Utilissimi per godere del piacere dello svapo, senza dover necessariamente assumere nicotina. Il CBD infine, può essere utilizzato in dermocosmesi, associando quindi i benefici della cannabis alla cute.

Torna su

 

0 commenti

"