→ SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 20 EURO → Consegna in Max 2 gg lavorativi - 3 gg per le isole

Olio di CBD e disturbi del sonno: cosa dicono gli Studi?

    INDICE

 

 

Molte persone soffrono di problemi legati alla qualità del sonno, dormire male significa affrontare le giornate di lavoro poco concentrati certamente non con un buon umore e con quel senso di spossatezza che non ci permettono di essere al 100%.

Dormire male può ripercuotersi sul proprio organismo indebolendolo e mettendolo a repentaglio da influenze e malattie di vario genere.

Ci sono soluzioni per contrastare questo stato di stress e migliorare la qualità del proprio sonno?

Premesso che l’intento di questo articolo non è fornire informazioni di carattere medico possiamo però provare a suggerire ipotesi da percorrere.

Una di queste riguarda ad esempio l’Olio di CBD, che potrebbe presentarsi come un rimedio naturale per chi soffre di disturbi legati ad una cattiva qualità del sonno.

Citando uno studio preclinico condotto in Gran Bretagna presso il Porton Down Science Park, sono scaturite ipotesi su come il CBD potrebbe influenzare il sonno.

Il primo elemento messo in luce dagli studiosi riguarda come il CBD possa migliorare la qualità del sonno intesa come effetto collaterale ad un problema già presente.

Lo studio in questione ha evidenziato come i cannabinoidi siano in grado di ridurre il dolore e aumentare la qualità del sonno che, soprattutto in coloro che soffrono di dolori cronici, diventa fondamentale. Alleviare i dolori porterebbe come conseguenza una migliore qualità del riposo notturno.

Dal secondo studio che citiamo, condotto presso la National Taiwan University di Taipei emergono prove di come il CBD possa influenzare direttamente il ciclo notturno, impedendo la soppressione del sonno REM indotta dall’Ansia.

In questo caso secondo gli studiosi, il CBD potrebbe contribuire al naturale ciclo del sonno e prevenire la sua deviazione dovuta ad uno stato di forte stress, dunque il CBD contribuirebbe a mantenere la stabilità del sonno non – REM.

I due studi citati, su cui c’è ancora molta strada da fare, indicano il sentiero imboccato nel ruolo del CBD nella promozione di una buona qualità del sonno, non dobbiamo dimenticare però che dormire bene significa anche avere attenzione a piccoli ma importanti particolari.

Esempi? Dormire in un ambiente tranquillo senza essere disturbati da dispositivi elettronici come lo smartphone. Non consumare in eccesso Alcol, Caffè e sigarette. Praticare Sport con regolarità contribuisce in maniera importante ad una buona qualità del sonno.

ARTICOLI CORRELATI

Sconfiggi l'insonnia in 2 mosse, i consigli di Enecta!

 

CONTINUA A LEGGERE

Combattere lo stress con l'aiuto di sport e cbd

Sport, Benessere e CBD cosa hanno in comune? 

CONTINUA A LEGGERE

CBD contro l’insonnia: un rimedio naturale per dormire meglio

In Italia circa 9 milioni di italiani soffrono di insonnia, purtroppo dall’inizio della pandemia...

CONTINUA A LEGGERE
"