🚚 SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 29,90 € 🚚

Quali sono gli effetti del CBD?

    INDICE

Agendo come modulatore del sistema endocannabinoide, il CBD supporta efficacemente l'organismo in caso di ansia e stress, lenisce il dolore cronico e acuto e migliora la qualitĂ  del sonno. Pur non essendo un farmaco, ha effetti antinfiammatori, analgesici e ansiolitici e nessun effetto psicoattivo.

quali-sono-gli-effetti-del-cbd

Cosa succede se assumi CBD?

Il cannabidiolo (CBD) è un cannabinoide presente nelle piante di cannabis sativa. Al contrario del piÚ conosciuto tetraidrocannabinolo (THC) però, il CBD è legale perchè non produce effetti psicoattivi ma numerosi effetti benefici.

Gli effetti positivi del CBD sull'organismo sono da attribuire alla sua interazione con il sistema endocannabinoide di noi esseri umani.

Il sistema endocannabinoide è un sistema che serve a regolare determinate funzioni fisiologiche fondamentali, tra cui dormire, mangiare, provare piacere o dolore. È un sistema costituito da recettori specifici che hanno una struttura molto simile a quella dei cannabinoidi prodotti dalle piante di canapa. Si chiamano infatti cannabinoidi endogeni. Proprio per questa corrispondenza strutturale, il CBD viene riconosciuto dal sistema e riesce a interagirci.

Può capitare che il sistema endocannabinoide non funzioni come dovrebbe, a causa di situazioni temporanee che ne causano l’alterazione, per esempio l'ansia, lo stress, un trauma fisico o magari un radicale cambio di abitudini.

In caso di squilibrio, il CBD funziona come un regolatore e contribuisce a rimettere in equilibrio il sistema. In particolare, interagisce con i recettori CB1 e CB2, che hanno una funzione fondamentale nella regolazione del dolore, della fame, del sonno e dell'umore.

Tramite questa interazione, il CBD è in grado di supportare il corpo in caso di dolore, disturbi dell'umore e insonnia.

Con l'uso del CBD quindi, l'organismo viene supportato e assistito nel processo del sonno, nella modulazione dell'umore e nella modulazione della percezione del dolore.

Quali sono gli effetti benefici del CBD?

Diversi studi suggeriscono che grazie alla sua interazione con i recettori del sistema endocannabinode, il CBD supporta l'organismo in caso di ansia, stress, dolore cronico e acuto e disturbi del sonno.

Ansia e stresscbd-per-ansia-e-stress

Pur non essendo un farmaco, il CBD ha effetti ansiolitici e calmanti, può aiutare in caso di ansia generalizzata, ansia da prestazione, stress cronico, sindrome da burn-out e e disturbi dell’umore.

Sfera sessuale

Il CBD aiuta ad abbassare l'ansia da prestazione, favorisce la produzione di serotonina ed è un ottimo lubrificante vasodilatatore.

Dolore

cbd-per-dolore

Il CBD è un antinfiammatorio naturale, che può supportare il corpo in caso di dolore cronico, emicrania, dolori mestruali e dolori articolari.

Sonno

cbd-per-dormire

Insieme a molecole appositamente selezionate, il CBD è un ottimo alleato per migliorare la qualità del sonno, favorire l’addormentamento, migliorare la fase del sonno rem e ridurre la problematica dei frequenti risvegli notturni.

Sport

cbd-per-recupero-muscolare

Il cannabidiolo è un ottimo principio attivo per chi pratica sport: aiuta a ridurre i dolori articolari e a favorire il recupero muscolare. Aiuta a l’ansia da prestazione pre-gara e aiuta atleti sotto pressione a dormire meglio.

Pelle

cbd-per-la-pelle

Utilizzato a livello topico il CBD fornisce un supporto infiammatorio in caso di acne e psoriasi. Svolge un'azione antiossidante sulla pelle e contribuisce a regolare la produzione di sebo.

Animali

cbd-per-animali

L'olio di canapa con CBD viene utilizzato come rimedio naturale in veterinaria naturale per supportare cani e gatti in caso di dolori articolari, artrite, reumatismi, ansia da separazione e stress.

Ecco una semplice e comoda tabella degli effetti del CBD.

Quali sono gli effetti del CBD (cannabidiolo)?
 
Supporta il corpo in caso di ansia e stress
Aiuta l'organismo in caso di dolore cronico e acuto
Favorisce il recupero muscolare
Migliora la qualitĂ  del sonno
Risulta efficace come antiossidante per la pelle
Aiuta in caso di acne e psoriasi
Può essere di supporto in caso di ansia da prestazione
Supporta cani e gatti in caso di ansia, artrite e dolori

Quali sono gli effetti del CBD secondo gli studi scientifici?

effetti-cbd-studi-scientifici

Uno studio sugli effetti del CBD ad ampio spettro sull'ansia ha monitorato gli indicatori primari che misurano l'ansia e degli indicatori secondari che misurano l'umore, il sonno, la qualitĂ  della vita e le capacitĂ  cognitive, dopo l'assunzione di CBD ad ampio spettro per 4 settimane.

Gli indicatori di ansia si sono significativamente ridotti alla 4 settimana ma la riduzione del livello di ansia era riscontrabile già dalla 1 settimana. Il CBD è stato ben tollerato e nessuna intossicazione o eventi avversi gravi segnalati. Alcuni effetti collaterali minori, tra cui sonnolenza e secchezza delle fauci, sono stati segnalati di rado.

Un team di ricerca ha effettuato uno studio sull'utilizzo del CBD nella dipendenza da oppioidi (OUD), somministrando 600 mg di cannabidiolo al giorno, per via orale e per 3 giorni consecutivi, a soggetti in astinenza da oppioidi che non assumevano normali farmaci per la disintossicazione come metadone o la buprenorfina. I risultati hanno evidenziato che il CBD può essere utile nel supportare la fase di astinenza di chi soffre di dipendenza da oppiacei. Interagisce infatti con alcuni recettori che hanno a che fare con la mediazione del desiderio della sostanza e supporta il corpo nel ridurre i segnali di desiderio.

Uno dei capitoli di una ricerca sul trauma cranico si concentra invece sugli effetti del CBD sulla lesione cerebrale traumatica (TBI). Lo studio parte dal dato che dopo una lesione, il sistema endocannabinoide si attiva per cercare strategie di autoriparazione e si concentra quindi sul potenziale terapeutico del CBD, che attraverso la sua interazione con i recettori, aiuta a modulare e tenere in equilibrio il sistema endocannabinoide supportandolo nella sua azione riparatrice.

Questo studio sugli effetti della cannabis medica spiega come l'uso del CBD riesca a modulare la nocicezione di pazienti, ovvero la percezione delle sensazioni dolorose e la frequenza dei sintomi dolorosi attraverso l'interazione con il sistema endocannabinoide. 

Perchè il CBD fa dimagrire?

Il CBD potrebbe aiutare a dimagrire perchè favorisce la produzione dei cosiddetti grassi bruni che aiutano a bruciare le calorie e ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue. 

Quanto CBD si può prendere?

Secondo le indicazioni fornite da Juliana Birnbaum e Leonard Leinow nel libro: CBD: A Patient's Guide to Medicinal Cannabis Healing without the High, pubblicato dalla North Atlantic Books, il dosaggio del CBD andrebbe suddiviso in micro dosaggio, dosaggio standard e macro dosaggio e sarebbe opportuno iniziare gradualmente, monitorando gli effetti del principio attivo sul proprio corpo.

Microdosaggio: da 1 a 30 mg di CBD al giorno

Dosaggio standard: da 10 a 100 mg di CBD al giorno

Macrodosaggio: da 50 a 800 mg di CBD al giorno

Per scoprire quanti mg di principio attivo ci sono in una goccia, puoi approfondire il tema del dosaggio del CBD. Oppure calcolare il tuo dosaggio ideale con il nostro calcolatore di CBD.

Quanti mg di CBD ci sono in una goccia?

In 1 goccia di olio di CBD al 10% ci sono circa 5 mg di CBD. 1 goccia di olio di CBD al 5% contiene circa 2.5 mg di CBD. 1 goccia di olio di CBD al 15% contiene circa 7.5 mg di CBD. 1 goccia di olio di CBD al 24% contiene circa 12 mg di CBD.

Quanto ci mette il CBD a fare effetto?

Se assunto sotto forma di olio per via sublinguale, il CBD fa effetto piĂš rapidamente, dai 20 ai 60 minuti dopo l'assunzione. Le capsule di CBD possono impiegare dai 30 ai 120 minuti per fare effetto. Utilizzato in caso di dolore per uso topico, fa effetto dopo circa 20 minuti.

Quanto durano gli effetti del CBD?

Gli effetti del CBD possono durare dalle 2 alle 6 ore se viene assunto sotto forma di olio, dalle 4 alle 8 ore se viene assunto sotto forma di capsule di CBD e dalle 2 alle 4 ore se utilizzato per uso topico.

Si tratta di una stima approssimativa che varia in base a fattori come il dosaggio e il metabolismo di ciascun individuo.

CBD: effetti negativi

 

Gli effetti negativi del CBD sono molto rari ma possono includere bocca secca, abbassamento della pressione arteriosa, sonnolenza, diarrea e inappetenza. Inoltre, non va utilizzato in gravidanza ed è importante un consulto medico nel caso si stiano assumendo farmaci.

Essendo spesso utilizzato in ambito clinico, non è stato particolarmente complicato osservarne gli effetti collaterali anche in caso di dosaggi massici. È importante sottolineare che il CBD è considerato un prodotto ben tollerato e anche in casi di sovradosaggio non sono stati riscontrati effetti collaterali gravi, nÊ è mai stato riportato alcun caso di overdose di cannabis sativa.

Analizziamo brevemente i principali effetti collaterali del CBD utilizzato in dosi molto elevate:

  • Secchezza delle fauci: il CBD può influire sul comportamento delle ghiandole salivari causando una leggera e temporanea sensazione di secchezza che può essere contrastata facilmente idratandosi con acqua, succhi e tisane

 

  • Sonnolenza: in casi di dosi molto elevate, l’effetto del CBD può essere soporifero. Non è un problema invalidante e soprattutto è passeggero. L’importante è evitare di mettersi alla guida o compiere azioni che richiedono la nostra totale attenzione

 

  • Cambiamenti dell’appetito: essendo l’appetito strettamente connesso al lavoro dei recettori CB1, è possibile che il CBD alteri il senso di fame. Spesso a dosaggi bassi corrisponde un aumento dell’appetito. Viceversa, a dosaggi alti corrisponde una diminuzione dell’appetito e potrebbe comparire anche un leggero senso di nausea

 

  • Pressione sanguigna bassa: potrebbe abbassare la pressione. È bene consultare un medico prima di utilizzarlo se si tende a soffrire di pressione bassa

 

  • Vertigini: il CBD a dosaggi elevati potrebbe provocare un senso di vertigini e spossatezza. Meglio prevenire usando un dosaggio graduale e controllato

 

  • Irritazione della pelle: utilizzato a livello cutaneo, il CBD potrebbe in casi molto rari causare arrossamento o irritazione. È consigliabile quindi provarlo prima su una piccolissima parte del corpo per verificare che non vi siano effetti avversi

Gli effetti del CBD possono influire su gravidanza e allattamento, ecco perchè il principio attivo NON va utilizzato in queste circostanze.

Cosa succede se prendo troppo CBD?

Niente di preoccupante come hai visto, ma di seguito potrai trovare i link agli studi che parlano di alcuni degli effetti collaterali piĂš comuni e alcune piccole soluzioni.

Niente da temere, ma essere informati a 360° ti aiterà a stare piÚ tranquilli.

Come abbiamo visto, un piccolo effetto avverso potrebbe essere legato ad un eccessivo senso di secchezza delle fauci, dovuto ai recettori cannabinoidi presenti nelle ghiandole submandibolari che sono responsabili della produzione di saliva. L’attivazione di questi recettori altera la produzione salivare portando alla secchezza della bocca. Bevi dell'acqua e respira, passerà prestissimo.

Nel paragrafo precedente abbiamo visto che l'assunzione elevata di CBD potrebbe creare una sorte di effetto vertigine associato magari ad un calo della pressione sanguigna. In questo caso potrebbe essere sufficiente mangiare qualcosa di dolce come della frutta o della cioccolata per sentirsi di nuovo in forma.

cbd-effetti

Un secondo effetto “collaterale” del cannabidiolo potrebbe essere un eccessivo stato di relax e sonnolenza. Prova a goderti il relax e non metterti alla guida, una bella dormita e ti sveglierai benissimo.

Qual è l'effetto collaterale di maggior rilievo del cannabidiolo?

L'effetto collaterale  di maggior rilievo del cannabidiolo potrebbe essere la sonnolenza insieme alla pressione bassa. Si parla ovviamente di dosaggi alti di principio attivo.

Chi non può prendere CBD?

Non possono prendere CBD le donne in gravidanza, neanche durante l'allattamento. Chi assume farmaci non può prendere CBD senza prima avere consultato un medico.

Quanto resta il CBD nel corpo?

Alcuni studi suggeriscono che la presenza di CBD nel corpo è rilevabile fino alle 18-36 ore successive. In caso di dosi massicce, può essere rilevato fino ai 5 giorni successivi all'assunzione.

Si può assumere il CBD con i farmaci?

L'interazione del CBD con i farmaci è un argomento che merita il suo spazio. Proviamo a riassumere le informazioni più importanti. La maggior parte delle prove che abbiamo su come il CBD potrebbe influenzare l’assunzione delle sostanze chimiche contenute nei farmaci, arrivano dai numerosi studi fatti sul CBD e i farmaci antiepilettici.

Il CBD è un cannabinoide estremamente sicuro. Nel caso si stiano assumendo farmaci però, è consigliabile consultare il proprio medico prima di iniziare a utilizzarlo.

Il CBD potrebbe, infatti, interagire con l'assunzione di farmaci, in particolare può incidere sul metabolismo epatico della famiglia CytP450. Questa famiglia di enzimi, di cui il CBD può essere un importante inibitore, si occupa del metabolismo di diversi farmaci. Potrebbero quindi verificarsi le seguenti condizioni, che sarebbe meglio evitare nonostante non si tratti necessariamente di effetti collaterali:

  • Gli effetti del CBD potrebbero essere potenziati dall’interazione con farmaci che inibiscono l’azione della famiglia di enzimi CytP450 rallentando il metabolismo del CBD. Tra questi farmaci ci sono gli antivirali, gli antimicotici, gli antipertensivi, i farmaci anti tubercolosi e gli antibiotici che contengono claritromicina e eritromicina

 

  • Gli effetti del CBD potrebbero essere ridotti da tutti quei farmaci che inducono il CytP450 aumentando cosĂŹ il metabolismo del CBD. I principali farmaci in questione sono gli antibiotici come la rifampicina e la rifabutina e alcuni antiepilettici come la fenitoina, il primidone, la carbamazepina e il fenobarbitale. È consigliabile stare attenti anche agli antidiabetici e dall’iperico, che è uno dei piĂš comuni antidepressivi

  • Il CBD potrebbe aumentare l’effetto di alcuni farmaci antipsicotici, anticoaugulanti e gastroprotettori, come per esempio il risperidone, il warfarin e il diclofenac

 

Olio CBD controindicazioni


Tra le controindicazioni, l'olio di CBD in percentuali elevate potrebbe indurre sonnolenza, non andrebbe quindi utilizzato prima di mettersi alla guida o al mattino. Il CBD non deve essere utilizzato in gravidanza e dato che può influire con il metabolismo di alcuni farmaci, va consultato un medico prima di assumerlo se si segue una terapia farmacologica.

Per godere a pieno degli effetti positivi di questo principio attivo, ti consigliamo di scegliere solo prodotti a base di CBD certificati e di farne un uso graduale e consapevole.

 

ARTICOLI CORRELATI

Melatonina: gocce per ripristinare il ritmo sonno veglia

Soffri d'insonnia e disturbi del sonno? Ti svegli spesso durante la notte o magari fai fatica a...

CONTINUA A LEGGERE

CBD e sonno: un parere medico

Per approfondire il tema CBD e sonno, abbiamo intervistato il dottor Lorenzo Calvi, un medico...

CONTINUA A LEGGERE

Enecta e Canapa Store Treviso “Esperienza positiva con CBD”

Canapa Store Treviso è il primo shop nato nella città veneta dedicato al mondo della Cannabis.

CONTINUA A LEGGERE