🚚 SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 29,90 € 🚚

Melatonina: gocce per ripristinare il ritmo sonno veglia

Soffri d'insonnia e disturbi del sonno? Ti svegli spesso durante la notte o magari fai fatica a svegliarti al mattino?

Potresti avere un problema con il ciclo sonno-veglia, del quale la melatonina è direttamente responsabile.

Scopriamo insieme a cosa serve questo ormone e come funziona.

melatonina-per-dormireMelatonina: a cosa serve e che cos'è

La melatonina è un ormone endogeno, ossia prodotto dal nostro organismo e gioca un ruolo fondamentale nelle nostre notti insonni perchè è l'ormone regolatore del nostro ciclo sonno veglia.

La melatonina viene prodotta dalla ghiandola pineale, una ghiandola endocrina che si trova in un’area del cervello chiamata epifisi.

A livello biochimico, la melatonina viene sintetizzata dall’acido triptofano, che è il precursore della serotonina. Come per tutti gli ormoni, anche per la produzione di melatonina sono necessarie determinate condizioni.

La produzione di melatonina si attiva con il buio, avviene quindi durante la notte e raggiunge il suo picco di secrezione tra l’una e le tre del mattino. Con l’arrivo della luce si interrompe gradualmente per consentirci di essere svegli e attivi durante il giorno.

Cosa può alterare la produzione di melatonina?

Spesso i disturbi del sonno sono legati ad un’alterazione del ciclo sonno-veglia, chiamato anche “ritmo circadiano”.

Il ciclo sonno-veglia è molto delicato ed esistono tantissimi fattori che possono essere una minaccia per il ciclo di sonno.

Tenendo presente che la produzione di melatonina va diminuendo in modo naturale con l’aumentare dell’età e che ha un andamento stagionale e viene rilasciata in percentuali minori d’estate e in percentuali maggiori d’inverno, ci sono diversi fattori che possono comprometterne la produzione:

  • fonti di luce nel cuore della notte
  • luci blu prodotte dai computer e dagli smartphone
  • assunzione di caffeina o alcolici poco prima di andare a dormire
  • lavoro su turni
  • jet-lag
  • ansia e stress
  • uno squilibrio ormonale

Anche se i livelli di melatonina assorbibili attraverso il cibo sono bassi, può essere utile sapere che è presente nelle banane, nell' uva, nel riso integrale o nelle ciliegie. Dato che la produzione di questo è costantemente minacciata, può essere utile assumere integratori a base di melatonina.

melatonina-gocce-con-cbd-e-cbnScopri CBNIGHT

Effetti e benefici della melatonina: cosa dice la scienza

Uno studio ha messo in luce l'efficacia della melatonina in 251 pazienti con disturbi del sonno dopo un trauma cranico. Ai pazienti sono stati somministrati dai 2 ai 10 mg di melatonina al giorno e i risultati sono stati positivi sia nella riduzione del tempo richiesto per prendere sonno che nell'aumento della qualità del sonno. Inoltre, i pazienti si sono sentiti meno ansiosi e meno affaticati del solito.

Un'analisi di dati raccolti in 19 studi, che coinvolgono 1683 soggetti, suggerisce che la melatonina sia utile per prendere sonno più facilmente, aumentare la durata e la qualità del sonno.

melatonina gocce quali sono i benefici

Secondo la pubblicazione scientifica “A review of sleep disorders and melatonin”, la melatonina funziona per la gestione dell’insonnia e viene consigliata anche da pediatri in caso di disturbi del sonno nell’infanzia e nell’adolescenza.

Questo studio si focalizza sulla sicurezza della melatonina in un contesto ospedaliero. Il suo effetto sulla qualità e sulla quantità del sonno la rendono una scelta migliore rispetto a molti sedativi normalmente prescritti.

In questa ricerca invece, viene messa in luce la capacità della melatonina di ridurre i sintomi da jet-lag.

Sintetizzando, gli studi mostrano che la melatonina:

  • Aiuta a regolarizzare o ripristinare il ciclo sonno-veglia negli adulti e nei bambini
  • Contribuisce a diminuire il tempo necessario nel prendere sonno
  • Migliora la qualità del sonno evitando spiacevoli risvegli notturni
  • Aiuta ad affrontare i disturbi del sonno legati a chi lavora su turni
  • Contrasta gli effetti collaterali del jet-lag
  • Stimola il sistema immunitario

Quali possono essere gli effetti collaterali della melatonina

La melatonina è un ormone che viene prodotto naturalmente dal nostro corpo. Come abbiamo visto, la sua produzione potrebbe essere soggetta a degli squilibri e per questa ragione, viene spesso assunta sotto forma di integratore.

A differenza di molti farmaci o integratori utilizzati per contrastare i disturbi del sonno, la melatonina non ha particolari effetti collaterali.

Se assunta nelle giuste dosi, è una molecola molto sicura. Tuttavia, proprio perché può essere in grado di indurre sonnolenza, è sconsigliato utilizzarla di giorno e prima di mettersi alla guida.

In caso di sovradosaggio sono stati rilevati effetti collaterali blandi come nausea, mal di testa e vertigini.

Melatonina e interazione con i farmaci

Va assolutamente evitata l’interazione della melatonina con i seguenti farmaci:

melatonina e interazione con farmaaci

  • Farmaci antiepilettici: la melatonina può essere causa di inibizione degli effetti anticonvulsivi dei farmaci antiepilettici, specialmente nei bambini

  • Farmaci contraccettivi: la melatonina potrebbe aumentare gli effetti collaterali di alcuni farmaci contraccettivi

  • Farmaci per il controllo dell’ipertensione: la melatonina può essere un elemento che interferisce con questo tipo di medicinale

  • Farmaci anticoagulanti: la melatonina potrebbe aumentare il rischio di emorragie o sanguinamenti

  • Immunosoppressori: la melatonina può essere uno stimolante della funzione immunitaria e interferire con gli immunosoppressori

  • Farmaci per il diabete: la melatonina potrebbe alzare i livelli di zuccheri nel sangue

  • Antidepressivi o regolatori dell’umore: la melatonina potrebbe aumentare i livelli di sonnolenza provocati da questo tipo di farmaco

Prima di assumere la melatonina in gravidanza o durante l'allattamento, è consigliabile consultare il proprio medico.

Qual è la dose giornaliera consigliata di melatonina

Su ogni confezione di integratore di melatonina dovreste trovare le dosi consigliate a seconda della posologia del prodotto. Solitamente si tratta di una compressa o di una certa quantità d’olio compresa tra lo 0,5 e i 10 mg.

Esistono anche prodotti con dosaggi di melatonina superiori, tuttavia in quel caso la posologia rientra nell’ambito farmacologico e occorrerà una prescrizione medica. Si consiglia di assumere la melatonina almeno mezz’ora prima di andare a letto.

I tempi necessari per ripristinare l’equilibrio sonno veglia sono molto soggettivi, ma è consigliabile fare almeno un ciclo di un mese per sperimentare i reali benefici della melatonina. Per qualsiasi dubbio sull’assunzione di melatonina, non esitate a consultare il vostro medico curante, la persona più informata sulle possibili interazioni dell’integratore con le vostre specifiche condizioni di salute.

Gocce di melatonina con CBD e CBN

Abbiamo aggiunto alla melatonina 2 cannabinoidi di nostra conoscenza per creare un prodotto che potesse prendersi cura del sonno a 360 gradi.

Il CBD (cannabidiolo) è conosciuto per essere un aiuto efficace in caso di dolore, ansia e stress, condizioni che spesso accompagnano l'insonnia e i disturbi del sonno.

Il CBN (cannabinolo) è un cannabinoide che può essere molto utile nella gestione del sonno, per via delle sue proprietà rilassanti e leggermente sedative.  

CBNight è un rimedio naturale efficace per supportare il corpo in caso di insonnia e disturbi del sonno.

CBNIGHT_FORMULA-Nov-14-2022-02-01-24-9295-PMCBNIGHT_FORMULA-PLUS-2                                                                    

Aiuta a:

  • ridurre il tempo richiesto per prendere sonno
  • mantenere il sonno durante la notte
  • ripristinare in modo naturale il proprio ritmo sonno veglia

DORMIREScoprilo ora

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Blue Monday e salute mentale

Oggi probabilmente si sentirà parlare di “Blue Monday” ovunque, sui social, sui giornali, nei...

CONTINUA A LEGGERE

CBD contro l’insonnia: un rimedio naturale per dormire meglio

In Italia circa 9 milioni di italiani soffrono di insonnia, purtroppo dall’inizio della pandemia...

CONTINUA A LEGGERE

Raphael Mechoulam, lo scienziato pioniere della ricerca sulla cannabis

Negli ultimi anni il dibattito sugli aspetti medici, sociali e legali della cannabis è aumentato...

CONTINUA A LEGGERE