🚚 SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 29,90 € 🚚

CBD e alcol si possono assumere insieme?

    INDICE

CBD e alcol sono due sostanze molto diverse. Scopriamo insieme che cosa succede se entrambe le sostanze vengono assunte insieme. Continua a leggere l'articolo o guarda la sua versione video.

 

Alcol e CBD: due sostanze simili ma differenti

L'alcol agisce come sedativo del sistema nervoso, ha la capacità di abbassare le inibizioni, promuove un senso di distensione apparente, allevia momentaneamente lo stress e le tensioni e può ridurre il dolore. Questi effetti sono da attribuire alla sua azione sul sistema nervoso, che rallenta l'attività cerebrale e riduce i normali freni sui comportamenti.

Anche il cannabidiolo influisce sul sistema nervoso attraverso il sistema endocannabinoide, aiuta a rilassare l'organismo e a stimolare la produzione di dopamina, l'ormone della felicità.

Entrambe le sostanze esercitano un'azione sul sistema nervoso centrale, ma mentre il CBD agisce come un riequilibratore del sistema endocannabinoide e non ha effetti collaterali rilevanti, l'alcol offre un benessere solo apparente, e provoca effetti collaterali a breve e a lungo termine.

CBD e alcol si possono prendere insieme?

Attualmente gli studi scientifici confermano che combinare alcol e CBD non ha conseguenze nocive per il nostro corpo.

Gli eventuali effetti collaterali possono essere provocati da un eccessivo consumo di alcol, che se ingerito in grandi quantità, può provocare alterazioni psicomotorie e danni a lungo termine. Il CBD invece, non produce alcun effetto psicotropo e mantiene questa caratteristica anche se assunto con l'alcol.

Assumere CBD e alcolici insieme è possibile ma è importante farlo con moderazione. Soprattutto perchè un consumo responsabile di alcol è cruciale per mantenere chiarezza mentale e benessere fisico.

Il cannabidiolo può addirittura essere utile a gestire i sintomi della dipendenza da alcol. Vediamo cosa dicono gli studi.

Il CBD abbassa i livelli di alcol nel sangue

Durante una ricerca sull'interazione tra alcol e CBD, a cui hanno partecipato sei volontari sani di sesso maschile e quattro di sesso femminile, sono stati somministrati 200 mg di CBD e succo d'arancia, placebo orale e succo d'arancia), alcol da solo (1g) e CBD da solo (200 mg). Chi ha assunto la combinazione di alcol e CBD aveva livelli di alcol nel sangue più bassi rispetto a chi aveva assunto solamente alcol.

Rispetto al placebo, solo l'alcol e l'alcol più CBD, ma mai il CBD da solo, hanno prodotto disturbi significativi nelle prestazioni motorie e psicomotorie, una sovrastima del passare del tempo e risposte soggettive che indicavano un'accurata consapevolezza del proprio grado alcolemico.

Assumere CBD può aiutare con la dipendenza da alcol

Un altro studio sugli effetti del CBD sulla dipendenza da alcol mette in luce che il sistema endocannabinoide ha un ruolo centrale in questo disturbo e che il CBD può essere efficace nel migliorare diversi sintomi dell'alcolismo. La sua interazione con il sistema endocannabinoide gli permette un'azione diretta su specifici meccanismi cerebrali che influenzano lo stimolo a consumare alcol.

Uno studio sul CBD come potenziale farmaco per l'alcolismo mostra che il CBD attenua la tossicità epatica indotta dall’alcol. Riduce la ricerca di alcol provocata da stimoli triggeranti, l’auto-somministrazione di alcol, le convulsioni indotte dall’astinenza e l'impulsività durante le ricadute. 

L'ansia è spesso un fattore scatenante nelle persone che lottano contro l'alcolismo e sono noti i numerosi effetti del CBD sull'ansia. Riducendo i sintomi ansiosi, il CBD potrebbe offrire un supporto aggiuntivo per chi cerca di mantenere l'astinenza da alcol. La gestione dello stress è fondamentale nella prevenzione delle ricadute, e il CBD potrebbe contribuire a creare un mindset più stabile ed equilibrato.

Il CBD può aiutare a mitigare gli effetti dell'alcol

alcol-e-cbd

Secondo uno studio su CBD e alcol, il CBD può attenuare gli effetti collaterali che alcol può causare, in particolare i danni al fegato e i danni cerebrali. Assunto 30 minuti prima di un consumo eccessivo di alcol, il cannabidiolo ha ridotto i livelli di alcol nel sangue, protetto il fegato e attenuato i danni cerebrali del 60% circa.

L'interazione del cannabidiolo con il sistema endocannabinoide gli permette un'azione anche sul sistema nervoso centrale, sul sistema digestivo e sul sistema immunitario. Questi tre sistemi sono noti anche come asse microbiota-intestino-cervello.

Tutti coloro che bevono alcol possono soffrire di problematiche come l'infiammazione sistemica cronica, o disturbi del microbiota e a un aumento della permeabilità intestinale. I cannabinoidi come il CBD possono avere degli effetti benefici sul sistema gastrointestinale e immunitario, in particolare:

  • ridurre l'infiammazione
  • ridurre la permeabilità intestinale
  • regolare i batteri intestinali 

Alcuni ricercatori hanno condotto uno studio su CBD e fegato e hanno scoperto che il CBD può aiutare anche a evitare l'accumulo dei grassi prodotti dall'alcol. Previene così la cosiddetta malattia del fegato grasso (steatosi epatica) che può causare nel tempo disturbi come cirrosi epatica o epatite.

Alcol e CBD: il metabolismo individuale

Un punto spesso trascurato è il ruolo del metabolismo individuale. Le persone metabolizzano sia CBD che l'alcol in modi diversi, influenzati da fattori genetici e dello stile di vita. Le variazioni metaboliche possono determinare la velocità con cui ciascuna sostanza agisce nell'organismo.

Presta quindi attenzione al modo in cui il tuo corpo reagisce ad alcol e CBD insieme.

Nel caso tu stia assumendo una terapia farmacologica, l'attenzione deve essere doppia, anzi tripla. Sia il CBD che l'alcol possono influenzare gli enzimi coinvolti nel metabolismo di molti farmaci, che avviene nel fegato. Fondamentale quindi tenere conto di queste interazioni, per chi assume regolarmente farmaci. Un consulto con il proprio medico può fornire una panoramica più chiara su come CBD e alcol potrebbero interagire con specifici trattamenti medici.

I Livelli di THC nei prodotti al CBD e alcol

Sebbene la legge imponga limiti precisi sul contenuto di THC nei prodotti CBD, non tutti i prodotti venduti in commercio rispettano questi limiti. Risulta quindi importante assicurarsi di assumere solo CBD certificato, con un contenuto di THC nei limiti previsti. Conoscere questi dettagli è fondamentale, perchè un contenuto di THC più elevato potrebbe avere implicazioni diverse, se combinato con alcol. Accertati di usare solo prodotti a base di CBD affidabili ed evita il rischio di sorprese indesiderate.

Cosa Tenere a Mente nell'Uso di CBD e Alcol

Concludendo, nella combinazione CBD e alcol, la sperimentazione personale responsabile è un elemento chiave. Ogni individuo reagisce in modo unico a sostanze diverse, e ciò vale anche per alcol e CBD. La prudenza suggerisce di evitare gli eccessi, monitorando attentamente le risposte del corpo.

Assumere CBD e alcol insieme è possibile, ma è importante:

1) avere una lucida consapevolezza della propria tolleranza all'alcol

2) rispettare scrupolosamente il quantitativo di CBD indicato sulle confezioni

3) fare attenzione al proprio metabolismo individuale

4) assicurarsi che il contenuto di THC presente nell'estratto di CBD rispetti i limiti di legge e sia quindi irrilevante

Per quanto riguarda l'utilizzo del CBD nella dipendenza da alcol invece, è importante chiedere consiglio a un esperto per capire come usarlo al meglio e associarlo alla psicoterapia e ad altre tecniche utili al contesto. Venire fuori da una dipendenza e ritrovare il benessere mentale significa fare un percorso personale e complesso, di cui il CBD potrebbe essere solo una piccola parte.

 

ARTICOLI CORRELATI

Enecta presenta il nuovo gel igienizzante al CBD

L’azione igienizzante dell’alcol e le proprietà del cannabidiolo in un unico prodotto: sicuro,...

CONTINUA A LEGGERE

Meglio usare Olio di CBD o svapare CBD? Analisi a confronto

Oggi sul mercato abbiamo la possibilità di assumere CBD sotto varie forme. Molte persone utilizzano...

CONTINUA A LEGGERE

CBD e osteoporosi

Il cannabidiolo per contrastare i sintomi dell’osteoporosi 

CONTINUA A LEGGERE