→ SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 20 EURO → Consegna in Max 2 gg lavorativi - 3 gg per le isole

Anandamide, sistema endocannabinoide e felicità

Esiste un segreto per la felicità?

Guardando il mondo dall'alto, sembra che sia un dono innato, con persone che nascono felici e altre, meno fortunate, per cui la felicità sembra un percorso o una meta da raggiungere.

Questione di carattere, genetica, astrologia, chimica?

Come tante domande filosofiche ed esistenziali che ci poniamo, spesso la risposta è dentro di noi.
Ed è in buona parte legata al nostro sistema endocannabinoide, dove i cannabinoidi prodotti dal nostro corpo, detti endocannabinoidi, e cannabinoidi prodotti in natura, detti fitocannabinoidi., interagiscono con i recettori cb1 e cb2.

E quindi?

In questo articolo andremo a parlare dell'anandamide, uno dei più importanti endocannabinoidi generati dal nostro organismo.

Affrontiamo quindi per la prima volta il tema dei cannabinoidi di origine umana, e diversi da quelli che troviamo in natura nelle piante di canapa, specialmente della specie Cannabis Sativa L., come ad esempio il CBD, che viene generalmente assunto sotto forma di olio di cbd o altri prodotti con diverse percentuali di cbd.

 

 

Anandamide e felicità

Alla nascita, le "carte genetiche" che ci vengono distribuite hanno sicuramente un'incidenza sulla nostra felicità, tant'è che gli scienziati hanno scoperto che le nazioni che hanno un punteggio più alto in quello che potremmo definire un termometro della felicità, hanno dei fattori genetici in comune.

In sostanza, producono meno enzima FAAH (Amide Idrolasi degli Acidi Grassi), responsabile della scomposizione di una sostanza chimica nell'organismo chiamata anandamide.

Come abbiamo detto sopra, l'anandamide è un endocannabinoide, quindi la versione prodotto dal nostro corpo dei cannabinoidi presenti nella pianta di Cannabis. Ed è proprio grazie al THC, la molecola psicoattiva della cannabis, che l'anandamideè stata scoperta.

In uno studio condotto verso la fine degli anni Ottanta, gli scienziati osservarono che il THC si adattava perfettamente a specifici recettori nel cervello e nel sistema nervoso centrale.

Essi teorizzarono che se abbiamo questa complessa rete di recettori, dobbiamo produrre un qualche tipo di sostanze chimiche endogene che agiscono anche come chiavi del meccanismo di blocco dei recettori.

Ci volle un po' di tempo, ma alla fine il chimico ceco Lumír Ondřej  scoprì l'anandamide, il cui nome deriva dal sanscrito "ānanda", beatitudine interiore, in relazione alla sensazione di piacere e benessere di cui è responsabile.

 

Il Sistema endocannabinoide e il suo ruolo nella gestione dell'umore

L'anandamide fa parte, insieme all'endocannabinoide 2-AG e ai recettori endocannabinoidi che si trovano in tutto il corpo, del sistema endocannabinoide (SEC).

Presente in tutti i vertebrati, questo sistema è classificato come un regolatore omeostatico, il che significa che è costantemente al lavoro per mantenere uno stato di equilibrio di tutte le funzioni vitali dell'organismo, per il benessere fisico e psichico.

Non sorprende che il nostro umore, la felicità, la paura, la paura, l'ansia e la capacità di sopportare lo stress siano tutti regolati dal sistema endocannabinoide,  e che livelli di anandamide fuori controllo siano associati alle principali psicosi o disturbi di carattere nervoso e neurologico, dalla schizofrenia alla depressione.

L'anandamide viene prodotta su richiesta dall'organismo e poi scomposta rapidamente dallo stesso enzima FAAH che manca nella mutazione genetica di cui abbiamo accennato sopra.

Quindi, davanti ai risultati degli studi, gli scienziati ritengono che i livelli di felicità sopra la norma di specifici soggetti siano il risultato diretto della presenza di più anandamide nel loro organismo.

La ricerca scientifica ha quindi sostenuto questa tesi.

Uno studio dell'Università di Calgary ha confrontato un gruppo di esseri umani geneticamente felici con roditori a cui era stato iniettato lo stesso gene; hanno scoperto che sia i topi che gli uomini con livelli più alti di anandamide e una maggiore capacità di estinguere i ricordi basati sulla paura.

Entrambi i gruppi condividevano una maggiore connettività tra il centro di pianificazione cognitiva, la corteccia prefrontale, e l'amigdala, la parte del cervello responsabile del ricordo delle emozioni, in particolare della paura. Quello che emerge è che una migliore comunicazione tra questi due centri chiave porta a livelli di ansia più bassi e ad una maggiore stabilità emotiva.

 

Come funziona l'anandamide?

L'anandamide può legarsi ai recettori dei cannabinoidi nel nostro corpo, pur essendo una sostanza molto debole che si decompone molto rapidamente.

L'anandamide svolge la sua sintesi in aree del cervello dove vengono gestiti la memoria, la motivazione, i processi cognitivi superiori e il controllo del movimento. In questo modo, influenza i sistemi fisiologici come il dolore, la regolazione dell'appetito, il piacere e la ricompensa.

I recettori dell'anandamide e del CB1 hanno un ruolo fondamentale nell'ovulazione, così come nell'impianto del gamete fecondato nell'endometrio, o nel rivestimento dell'utero.

È stato specificamente dimostrato che livelli elevati di anandamide sono necessari per una riuscita dell'ovulazione e che i livelli più bassi sono utili durante l'impianto del gamete nel rivestimento dell'utero.

Lo stesso studio [3] ha anche indicato che i livelli di anandamide sono alti durante la 4a e 5a settimana di gestazione e che l'anandamide scende a livelli più bassi durante la 6a settimana di gestazione. L'AEA in diversi gradi di concentrazione è fondamentale per il ciclo riproduttivo e il corretto sviluppo fetale durante le prime settimane di gestazione.

Uno studio sui topi del 2017 [4] ne ha testato gli effetti sulla motivazione e sulla ricompensa.
Con diverse possibilità di scelta e dopo aver ricevuto un'iniezione di questo endocannabinoide, i topi hanno dimostrato di essere in grado di scegliere più rapidamente e sono stati motivati a scegliere la soluzione migliore.

cannabis-terapeutica

Il rapporto tra anandamide e cannabis terapeutica

Come per il THC, l'anandamide provoca una sensazione di felicità.

Finora, il funzionamento dell'anandamide non è stato compreso sia negli animali che nel corpo umano.

Tuttavia, dopo aver scoperto il sistema degli endocannabinoidi, è stato osservato che questo endocannabinoide può influenzare e interagire con i recettori del nostro corpo proprio come alcuni cannabinoidi nella pianta di cannabis.

Anche se diversi studi hanno confermato la loro strettissima relazione con i cannabinoidi e i recettori cerebrali, si assume che anche l'anandamide possegga effetti psicoattivi, che non sono ancora stati analizzati e compresi.

Sembrerebbe quindi che i forti livelli di anandamide nel nostro corpo siano indissolubilmente legati ai sentimenti di benessere e felicità, e la loro mancanza alla depressione e all'ansia.

Allora cosa possiamo fare per facilitare e supportare la produzione e sviluppo di questo neurotrasmettitore che induce tutti questi effetti benefici?

 

Come facilitare la produzione di Anandamide?

1. Godersi lo "sballo del corridore"

La maggior parte delle persone associa il ronzio che si sente dopo la corsa a quella che è stata definita una "scarica di endorfine".

Ma questa è solo una parte della storia. Gli scienziati hanno scoperto che dopo 30 minuti di esercizio i livelli di anandamide aumentano.

L'assistente del professore di biologia Greg Gerdeman descrive come "in uno studio abbiamo scoperto che l'aumento delle sensazioni di benessere nei pazienti era strettamente correlato ai livelli di anandamide nel sangue. Così abbiamo iniziato a parlare dell'anandamide come ricompensa neurobiologica per la corsa. Ti fa sentire bene.”

 

2. Assumere CBD

Non sorprende che un modo per stimolare il sistema endocannabinoide sia l'introduzione di cannabinoidi naturali nell'organismo derivati dalla pianta di cannabis.

Come accennato in precedenza, il THC si lega perfettamente ai recettori degli endocannabinoidi che si trovano principalmente nel cervello e nel sistema nervoso centrale, creando l'effetto high o "sballo".

È molto diverso il discorso quando andiamo a parlare di CBD o Cannabidiolo, il cannabinoide non psicoattivo e secondo per quantità e diffusione all'interno della cannabis.

Il CBD ha pochissima affinità vincolante con i recettori degli endocannabinoidi, eppure gli scienziati hanno osservato che la sua somministrazione porta ad un aumento dei livelli di anandamide. Da cosa dipende questa correlazione?

La risposta è nell'azione inibitoria che il CBD esercita sull'enzima FAAH, responsabile della degradazione dell'anandamide nell'organismo.

Meno FAAH significa che l'anandamide rimane nel corpo più a lungo, con effetti benefici di stimolo dell'umore e di riduzione dell'ansia.

Questa conclusione è supportata da una ricerca che include un piccolo studio pilota su soggetti con ansia sociale, che ha dimostrato come la CBD potrebbe ridurre le sensazioni di disagio e il deterioramento cognitivo durante un test simulato in pubblico.

I prodotti contenti cannabidiolo (cbd) possono quindi aiutare il nostro corpo nel corretto svolgimento di diversi processi fisiologici, ed essere anche un valido alleato dal punto di vista della prevenzione, e non solo del trattamento di disturbi già in essere.

Il CBD può anche essere di supporto al nostro sistema immunitario.

Con il grande vantaggio che un prodotto finale contenente cannabidiolo, come può essere l'olio di cbd, è un principio attivo totalmente naturale e privo di effetti collaterali.

olio di cbd

3. Mangiare cioccolato

Si è scoperto che il cioccolato offre un duplice approccio per stimolare l'anandamide; sia stimolando direttamente i recettori endocannabinoidi che, come il CBD, bloccando la metabolizzazione dell'anandamide.

Però attenzione, non stiamo parlando di un qualsiasi cioccolato, ma solo di un fondente di qualità, senza gli zuccheri e gli additivi chimici che generalmente vengono inseriti nei processi di produzione industriale.

Insomma, scartare una tavoletta di buon cioccolato, non è certo una brutta cosa, se fatta con moderazione.

 

4. Andare a caccia di tartufi

Forse non è il modo più pratico, né più economico per prendervi cura dei vostri livelli di anandamide, e forse potrebbe addirittura essere necessario trovarvi un cane o un maiale di razza per andare direttamente alla ricerca di tartufi, ma gli scienziati hanno scoperto che l'anandamide si trova in abbondanti quantità in una delle prelibatezze gastronomiche più ambite e preziose, il tartufo nero.

La cosa curiosa è che, a differenza di altri vertebrati dotati di un sistema endocannabinoide sviluppato, i tartufi non hanno nessuna rete di recettori in grado di creare processi chimici e fisiologici, suggerendo che la funzione dell'anandamide presente non serva per funzioni biologiche interne.

L'ipotesi più probabile è che si tratti di un modo per attirare e invitare gli animali a mangiare i tartufi, permettendogli così di rilasciare le loro spore e propagarsi con l'obiettivo di riprodursi.

 

5. Integra la tua dieta con i flavonoidi

Il Kaempferolo è un tipo di flavonoide presente in diverse varietà di frutta e verdura fresca come mele, pomodori, uva, patate, cipolle e broccoli.

Gli studi già avevano individuato nel Kaempferolo una potenziale azione antitumorale, ma si è anche scoperto che inibisce la produzione del nostro già citato FAAH - l'enzima che scompone l'anandamide.

Finora, la maggior parte delle, ricerche sul Kaempferolo è stata fatta in provetta, ma gli scienziati ritengono improbabile che i livelli di questo componente possano essere aumentati a sufficienza per rendere l'inibizione della FAAH in maniera naturale, attraverso l'assunzione di cibo.

Tuttavia, se questa diventa uno stimolo o una scusa in più per arrivare alle famigerate 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura, perchè no?

 

New call-to-action

 

0 commenti

"