🚚 SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 29,90 € 🚚

HHC: la verità su questo nuovo cannabinoide

    INDICE

Dal 13 luglio 2023, il Ministero della Salute italiano ha inserito l'HHC nella tabella delle sostanze stupefacenti e psicotrope rendendolo a tutti gli effetti illegale.

student-girl-in-headphones-studying-on-computer-wi-2023-03-07-04-14-30-utc-2

Ultimamente nel settore del CBD si parla tantissimo di un nuovo cannabinoide che si trova naturalmente nella pianta di Cannabis sativa: l'HHC. L'HHC ha attirato l'attenzione di ricercatori e produttori, che ne hanno elencati i diversi benefici per la salute umana ma l'OEDT (Osservatorio Europeo sulle droghe e le dipendenze) già ad Aprile 2023, aveva cercato di fornire un quadro tecnico sull'HHC e i potenziali rischi derivanti da questo nuovo mercato privo di regolamentazione.

Che cosa sappiamo su questo cannabinoide?

Cosa vuol dire HHC?

HHC è la sigla di esaidrocannabinolo, un cannabinoide prodotto in piccolissime quantità dalle piante di cannabis sativa, rintracciabile soprattutto nel polline e nei semi della pianta.

Che cos'è l'HHC?

1) A sintetizzare e scoprire per la prima volta l'HHC (esaidrocannabinolo) fu Roger Adams nel 1940. Adams era un ricercatore di chimica americano, a quel tempo direttore del Dipartimento di Chimica dell'Università dell'Illinois. 

2) L'HHC viene definito un cannabinoide sintetico o semi-sintetico. Si tratta di un cannabinoide presente in piccolissime concentrazioni nei semi e nel polline della canapa. La sua estrazione dalla pianta può risultare molto complessa, oltre che costosa e poco redditizia. Ecco perchè, una volta individuata la sua struttura molecolare, si preferisce riprodurlo in laboratorio.

3) L'HHC ha una struttura chimica simile a quella del THC (tetraidrocannabidiolo) il cannabinoide della cannabis che provoca effetti psicoattivi.

4) Nonostante sia stato scoperto nel 1940, gli effetti farmacologici e tossicologici dell'HHC sugli esseri umani non sono mai stati studiati.

5) In Italia e in Europa è stato venduto come l'alternativa legale del THC.

6) Se gli effetti dell'HHC sembrano essere simile a quelli prodotti dal THC, vi è grande incertezza sugli effetti a breve e lungo termine delle sue riproduzioni sintetiche, che potrebbero causare psico tossicità inaspettate.

7) Al momento l'HHC è illegale in Italia e in Francia

Se vuoi leggere il report tecnico dell'OEDT (EMCDDA), è disponibile in pdf in inglese a questa pagina.

L'HCC è legale in Italia?

business-documents-auditor-businesswoman-searchin-2022-11-18-01-27-34-utc-1

No, dal 13 luglio 2023, il Ministero della salute ha inserito l'HHC nella tabella delle sostanze stupefacenti e psicotrope, di cui al decreto del Presidente della Repubblica, 9 ottobre 1990, n.309.

Per essere più precisi possibile, nella tabella I del decreto in cui sono presenti tutte le sostanze stupefacenti e illegali, sono stati  inseriti l'HHC, l'HHC acetato, l'HHCO, l'HHC_P e l'HXC.

Il Ministero della Salute riporta nel decreto le seguenti motivazioni:

  • HHC, HHC-acetato e HHC-P sono cannabinoidi semisintetici, riconducibili per struttura al THC
  • un rapporto tecnico sulla sostanza pubblicato dall'Osservatorio europeo sulle dipendenze di Lisbona, ne considera gli effetti identici a quelli del THC
  • l'associazione Imprenditori Canapa in Italia ha segnalato la presenza sul mercato italiano e europeo contenenti HHC
  • la possibile tossicità dell'HHC potrebbe comportare gravi problemi a chi lo assume
  • nel 2022 l'HHC è stato oggetto di diversi sequestri in Italia

La legalità della vendita di HHC ha a che fare con le legislazioni di ogni singolo stato. Fino a poco tempo fa, l'Italia si trovava nella zona grigia del vuoto legislativo di cui molti produttori hanno pensato di approfittare. Le cose però sono rapidamente cambiate, ma era prevedibile.

Analizzando il comma sei dell'articolo 14 del dpr 390/90 infatti, era chiaro che anche " i tetraidrocannabinoli, i loro analoghi naturali, le sostanze ottenute per sintesi o semisintesi che siano ad essi riconducibili per struttura chimica o per effetto farmaco-tossicologico" avrebbero potuto essere vietati.

L'articolo di legge, antecedente all'ultima revisione del 13 luglio, prosegue dichiarando sostanze illecite tutte le piante che contengono principi attivi in grado di provocare allucinazioni o distorsioni sensoriali nonchè sostanze analoghe ottenute tramite sintesi chimica. Dato che gli effetti dell'HHC non sono mai stati esplorati da un punto di vista scientifico ( a differenza del THC, sui cui esiste comunque una vasta letteratura) e non esistono regolamentazione in merito alla sua sintesi, non è possibile escludere che possa essere in grado di alterare il sistema nervoso centrale e provocare effetti collaterali anche importanti.

Questa è la ragione principale per cui in Italia ma anche in Francia, l'HHC è stato reso illegale.

L'HHC viene rilevato dai test anti-droga?

Perchè lo so...se siete arrivati a leggere fin qui è a questo che state pensando...

Non c'è ancora chiarezza scientifica su questo punto, tuttavia, data la struttura molecolare simile con il THC, si può ipotizzare che l'HHC potrebbe essere rilevato dalle analisi antidroga che utilizzano tecniche avanzate.

Si potrebbe però obiettare, che proprio perchè la struttura molecolare è simile ma non uguale, l'HHC si scomponga in metaboliti diversi da quelli del THC e che quindi non siano rilevabili dai test antidroga, ma visto il decreto l'aggiornamento della Tabella I del 13 luglio, troveranno certamente il modo di rilevare l'HHC e i suoi derivati in un test. 

La scelta di assumere o non assumere HHC non dovrebbe dipendere dalla paura di essere scoperti, ma dalla volontà di non assumere una sostanza di cui non ci sono ancora studi scientifici sugli esseri umani, che badate bene, esistono su numerosissime sostanze stupefacenti.

Ci auguriamo che nel tempo la ricerca potrà fornire risposte approfondite  e casi studio sull'utilizzo e gli effetti dell'HHC sugli esseri umani, fino ad allora...Keep safe...

L'HHC è sicuro? Che cosa dice la scienza

Per questo studio su analgesici sintetici derivati dai cannabinoidi, sono stati riprodotti in laboratorio dei composti idrossilati simili all'esaidrocannabinolo e sono stai somministrati ad animali da laboratorio che avevano già assunto HHC. L'HHC aveva avuto una potente azione antidolorifica sugli animali ma il composto sintetizzato non è risultato attivo allo stesso modo. Inoltre, questi composti sintetici hanno prodotto un'alterazione del comportamento negli animali non anestetizzati. Due dei composti hanno prodotto effetti simili a quelli dei cannabinoidi e altri due sembrano aver provocato depressione negli animali.

researches-in-science-laboratory-2022-12-16-14-29-31-utc-1

In un articolo pubblicato a Novembre 2022 sul Cannabis and Cannabinoid Research sull'HHC nel mercato della cannabis light, la grande preoccupazione dei ricercatori si concentra sul fatto che nonostante la mancanza di studi approfonditi sull'azione, la potenza, la tossicità e la sicurezza dell' HHC, questo cannabinoide stia trovando spazio nel mercato molto facilmente.

Di certo, affermano i ricercatori, questo fenomeno avviene per mancanza di chiarezza legislativa. L'intenzione di chi si occupa di cannabis, cannabinoidi e sicurezza a livello scientifico tuttavia, è quella di includere nei test analitici, che di solito coinvolgono Δ9-THC, THC-A, CBD e CBD-A, anche "nuovi" composti che potrebbero non essere pienamente sicuri, causare dipendenza e altri effetti collaterali, come l'HHC.

Quali sono gli effetti dell'HHC?

L'HHC è stato identificato per la prima volta in Europa a maggio 2022. Da allora sono emersi altri composti sintetici simili come l'acetato di HHC (HHC-O) e l'esaidrocannabiforo (HHC-P).

Come abbiamo visto, un piccolissimo numero di studi di laboratorio sugli animali, suggerisce che l'HHC abbia effetti molto simili a quelli del THC. Questo dato sembra essere confermato da chi lo ha assunto e dal rapporto dell'Osservatorio Europeo sulle sostanze stupefacenti di Lisbona.

Gli effetti del HHC possono essere quindi:

  • euforia
  • senso di rilassatezza
  • ilarità
  • senso di fame
  • ansia
  • tachicardia
  • percezioni temporaneamente alterate
  • diminuzione di eventuali dolori

Quindi l'HHC sballa? Wow, che bello!

Eh già, la comunicazione e il marketing intorno all'HHC si basano proprio sul claim: "Il sostituto legale e sicuro del THC".

Il problema però è che la produzione di HHC non è quasi mai conforme alle "buone pratiche di fabbricazione" che regolano il mercato di alcuni prodotti naturali, come quelli a base di CBD per esempio.

Trattandosi di un composto sintetico non regolamentato nè testato, non è dato sapere quali potrebbero essere gli effetti provocati da i sottoprodotti sintetici e dalle contaminazioni con i residui di estrazione o del processo di idrogenazione.

Ma questo non ve lo dicono.

HHC e THC: analogie e differenze

cannabis-branch-with-green-leaves-and-wooden-magni-2022-07-21-23-19-19-utc-1

Innegabile è che il claim di marketing abbia delle fondamenta reali. Proprio come il THC e il CBD infatti , l’HHC sembrerebbe in grado di legarsi ai recettori CB1 e CB2 presenti all'interno del nostro sistema endocannabinoide.

Presenta una struttura chimica e molecolare simile al THC, ma resta un cannabinoide con caratteristiche differenti.

La prima differenza fondamentale è che l'HHC, pur essendo presente naturalmente nella pianta di canapa, può essere ottenuto solo tramite il processo di idrogenazione del THC. Grazie a questo processo, l'HHC si ritrova a possedere atomi di carbonio idrogenati, un legame carbonio supplementare e un atomo di estere, che il THC non ha. 

L'HHC inoltre, sembrerebbe essere un composto più stabile del THC e meno suscettibile a degradazione da esposizione a calore e luce. Questa caratteristica lo rende interessante per i produttori di cannabinoidi, perchè ne permetterebbe la conservazione a lungo termine.

Altra differenza non meno importante è che al momento la vendita del THC è vietata in diversi paesi, la vendita dell'HHC, per ora, è vietata solo in Italia e in Francia. 

Diversi produttori sostengono senza basi scientifiche che l'HHC è un cannabinoide sicuro come gli altri cannabinoidi naturali, ma non esistono ancora studi riconosciuti sugli effetti di questo cannabinoide e sulla sua potenziale tossicità per gli esseri umani. Esistono invece moltissimi studi sul THC, che pur essendo illegale, viene utilizzato anche come cannabis terapeutica in contesti ospedalieri.

Perchè rischiare con l'HHC quindi?

Noi tifiamo per i cannabinoidi, ma tifiamo soprattutto per la trasparenza e la salute del consumatore, che resta il fattore più importante.

cbd-per-ansiacbd-per-dormirecbd-per-dolore

 

ARTICOLI CORRELATI

Intervista con Jacopo Paolini “Cannabis? C’è tanta strada da fare”

Il 2018 si presenta per il mondo della Cannabis un anno molto importante. Aumentano le persone...

CONTINUA A LEGGERE

CBD, prodotti a base di Cannabidiolo: le domande più frequenti degli utenti!

Sono molte le domande che quotidianamente riceviamo dai nostri clienti e dai tanti utenti che...

CONTINUA A LEGGERE

Cannabigerolo: alla scoperta del CBG, il cannabinoide precursore

In questo articolo tratteremo uno dei cannabinoidi di ultima scoperta, molto interessante dal punto...

CONTINUA A LEGGERE