→ SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 20 EURO → Consegna in Max 2 gg lavorativi - 3 gg per le isole

Cannabis medica e disturbi gastrointestinali nel 2020

Cannabis terapeutica

Le malattie che causano disturbi gastrointestinali (GI) ultimamente sono trattate sempre più di frequente con l'utilizzo di Cannabis Medica.

Recenti studi sia sugli animali che sugli esseri umani stanno sempre più confermando la grande utilità e il valore della Cannabis Medica (CM) nel trattamento di questo genere di patologie, specialmente le malattie infiammatorie croniche intestinali IBD (acronimo inglese per Inflammatory Bowel Disease) e la sindrome dell' intestino irritabile (IBS).

In queste rientrano le malattie da disturbi gastrointestinali come la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) o reflusso acido, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

L'intestino nel nostro corpo ha due funzioni principali, vale a dire la digestione del cibo e la difesa dell'ospite, proteggendoci da invasori estranei come batteri e virus.

Il Sistema Endocannabinoide (con l'acronimo SEC), è equamente ripartito in tutto il sistema gastrointestinale (GI) ed è un fattore chiave nel mantenere regolate queste due importanti funzioni.

Il sistema endocannabinoide si trova nei nervi intestinali e nelle cellule del sistema immunitario.
Lavora per mantenere l'omeostasi del nostro copro, e nl caso specifico della motilità gastrica o bio-equilibrio del tratto gastrointestinale (le contrazioni muscolari che agiscono per muovere il cibo attraverso l'intestino), la segnalazione del dolore intestinale, l'infiammazione intestinale e il mantenimento della barriera del rivestimento dell'intestino.

I nervi nell'intestino sono chiamati sistema nervoso enterico, a volte chiamato "secondo cervello".
I recettori dei cannabinoidi (CB1 e CB2) si trovano in tutti questi nervi. Si ritiene che tutti i disturbi gastrointestinali coinvolgano il sistema nervoso enterico, rendendo questi recettori un bersaglio attraente per il trattamento in caso di malattia.

Gli scienziati hanno scoperto che il numero di recettori dei cannabinoidi può aumentare (sovraregolare) in alcune malattie con disturbi gastrointestinali, indicando che il sistema endocannabinoide sta montando una risposta di ripristino all'equilibrio perso.

Oltre ai recettori dei cannabinoidi, altri recettori, come PPAR, GPR55 e TRPV1, si trovano in tutto l'intestino e sono coinvolti nell'infiammazione e nel dolore intestinale (disturbi gastrointestinali).

Poiché i cannabinoidi, come il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD), interagiscono con i recettori CB1 e CB2 che si trovano sulla mucosa intestinale, questi ultimi sono divenuti un target importantissimo di studi terapeutici per l'utilizzo e il trattamento con cannabis medica per i disturbi gastrointestinali.

Il THC tetraidrocannabinolo e il CBD cannabidiolo sono due fitocannabinoidi che possiedono enormi capacità curative sui sintomi da disturbi gastrointestinali.

Quasi l'80% del tuo sistema immunitario risiede nell'intestino.

Anche il sistema endocannabinoide, compresi i recettori CB2, è presente in queste cellule immunitarie, pronte ad entrare in azione per diminuire l'infiammazione quando necessario.

Tuttavia, se il tuo sistema endocannabinoide non funziona correttamente, c'è la possibilità che questi possa non essere in grado di attivare la risposta appropriata a queste sollecitazioni, portando a sintomi intestinali cronici.

storia-cannabis-terapeutica

Reflusso Gastroesofageo

La GERD o reflusso gastroesofageo è molto comune nella popolazione e colpisce il 20% di tutti gli adulti.
GERD si verifica quando il contenuto dello stomaco scorre all'indietro nell'esofago, causando sintomi di bruciore di stomaco, dolore toracico, difficoltà a deglutire e / o sensazione di un nodo alla gola, classici sintomi di disturbi gastrointestinali.

La GERD è spesso trattata con farmaci, tuttavia ci sono segnalazioni di un possibile aumento del rischio di demenza e cancro derivante dall'utilizzo di questi farmaci, che ci porta all'idea dell'utilizzo della cannabis medica come alternativa.

Altri possibili interventi includono una modifica delle abitudini della dieta, il rimanere in piedi dopo i pasti, la perdita di peso e l'interruzione dell'uso del tabacco.

C'è la possibilità che il sistema endocannabinoide non funzioni correttamente, non riuscendo in alcuni casi nad attivare una risposta adeguata agli stimoli infiammatori, causando sintomi intestinali cronici.

Sempre per quel che riguarda la GERD, studi su animali hanno dimostrato che la stimolazione dei cannabinoidi del recettore CB1 inibisce la secrezione acida e diminuisce i danni e l'infiammazione nel rivestimento dello stomaco.

La ricerca preclinica ha anche dimostrato che l'attivazione dei cannabinoidi del recettore CB1 ha impedito allo sfintere esofageo inferiore (cioè la "porta" tra l'esofago e lo stomaco che lavora per impedire al contenuto dello stomaco di rifluire nell'esofago) l'azione del rilassamento, riducendo così la quantità di reflusso.

In uno studio sull'uomo, nel trattamento della GERD è stato dimostrato che il THC sintetico somministrato a volontari sani riduce il tasso di reflusso (studiando i dati si sono evidenziati problemi poiché la dose molto alta che veniva somministrata causava degli effetti collaterali).

È chiaro che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il ruolo della cannabis medica nel trattamento della GERD, studi che potrebbero quindi portare a nuove scoperte per un migliore utilizzo nei disturbi gastrointestinali.

A livello di studi clinici, ci sono casi di alcuni pazienti affetti da GERD che hanno ricevuto il trattamento con cannabis medica e hanno potuto testimoniare dei benefici, altri invece non ne hanno avuti.

Gli studi continuano dato che ad oggi, ancora non è chiaro il motivo esatto per cui alcuni pazienti rispondono positivamente all'uso della cannabis medica, mentra altri meno.

Ci sono comunque diversi rapporti aneddotici di pazienti che rispondono positivamente al trattamento affermano di avere meno episodi di bruciore di stomaco e che se mai se ne presenti un episodio, l'assunzione di cannabis medica riduce il loro disagio.

La maggior parte dei pazienti che trovano benefici includono un po 'di THC nel loro regime di cannabis medica, poiché questo sembra essere il cannabinoide più utile per la GERD, almeno aneddoticamente.

Alcuni pazienti riferiscono che un prodotto CBD: THC a basso rapporto (come 1: 1, 2: 1 o 4: 1) aiuta a ridurre i sintomi di GERD con effetti meno inebrianti rispetto ai prodotti a predominanza THC.

Anche due terpeni aromatici che possono essere inclusi nella grande famiglia della Cannabis Medica, il limonene e terpinolene, possono anche essere utili per alleviarne e contrastarne i sintomi.

italiano-uso-cannabis

 

Sindrome intestino irritabile e morbo di Crohn

IBD è un termine generico che si riferisce all'infiammazione cronica dell'intestino (disturbi gastrointestinali).
Le due principali condizioni che si verificano comunemente sono il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

Il Centers for Disease Control riporta che circa tre milioni di adulti sono stati diagnosticati con IBD nel 2015, rispetto ai due milioni diagnosticati nel 1999.

La causa esatta dell'IBD è sconosciuta, ma recenti indagini scientifiche riportano che i cambiamenti nell'intestino sono dovuti all' "attivazione incontrollata di cellule immunitarie intestinali in un ospite geneticamente suscettibile".

Ricordando che le cellule immunitarie sono regolate dal sistema endocannabinoide, viene conseguentemente da pensare che una disfunzione degli endocannabinoidi possa essere la causa principale delle IBD, e servire come target terapeutico.

Il morbo di Crohn può colpire qualsiasi parte dell'intestino ma si localizza più comunemente l'intestino tenue, causando infiammazione, ulcere, dolore, sanguinamento, diarrea e perdita di peso.

La colite ulcerosa è una condizione infiammatoria cronica che colpisce l'intestino crasso, che causa sintomi simili a quelli del morbo di Crohn.

Entrambe le condizioni sono associate ad un accresciuto rischio di cancro del colon-retto.

Secondo un recente articolo, "le attuali opzioni terapeutiche sono insufficienti per un trattamento efficace che porti ad un alto tasso di disabilità e chirurgia intestinale nei pazienti con IBD".

L'attivazione dei recettori CB1 e CB2 nei modelli animali di colite riduce l'infiammazione.
In una revisione di 51 studi scientifici sul trattamento con cannabinoidi della colite (solo due erano nell'uomo), ventiquattro diversi composti, inclusi cannabinoidi sintetici e THC, CBD e CBG, si sono rivelati efficaci nel ridurre la gravità della colite .

 

Studio del morbo di Crohn

Studi condotti in diversi paesi mostrano che circa il 10-12% delle persone con IBD usa la cannabis medica per curare i propri sintomi da disturbi gastrointestinali. Gli studi sugli esseri umani sono limitati ma molto promettenti.

Uno studio del 2012 su 11 pazienti, con morbo di Crohn di lunga data e 2 pazienti con colite ulcerosa, ha riportato che dopo 3 mesi di trattamento, i pazienti hanno riportato un miglioramento della percezione della salute generale, della vita e interazione sociale, della capacità di lavorare, del minor dolore fisico e della riduzione della depressione.

C'è stato un aumento di peso statisticamente significativo e un aumento dell'indice di massa corporea.

Un sondaggio del 2011 su 30 pazienti affetti da morbo di Crohn in Israele ha rivelato che 21 sono migliorati in modo significativo con la cannabis medica, riscontrando una minore necessità di altri farmaci e una ridotta necessità di intervento chirurgico.

Un sondaggio del 2013 su 292 pazienti che ricevevano cure per IBD ha rivelato che circa la metà ha riferito di un uso passato o attuale di cannabis.

Di questi, il 32 per cento ha riferito di uso medico per dolore addominale, scarso appetito, nausea e diarrea.

La maggior parte ha riferito che la cannabis o completamente alleviata o era molto utile per i sintomi. In questo studio, gli utenti attuali hanno notato un miglioramento significativo nel dolore addominale, inappetenza, nausea e diarrea.

In uno studio del 2013 su 21 pazienti affetti da morbo di Crohn che non hanno risposto ai trattamenti convenzionali, è stato somministrato THC inalato o placebo inalato per un arco di 8 settimane.

La remissione completa è stata ottenuta nel 45% del gruppo con la somministrazione di cannabis medica e nel 10% del gruppo placebo; Il 90% del gruppo con cannabis medica aveva punteggi di gravità inferiori rispetto al 40% del gruppo placebo.

Tre pazienti che utilizzavano cannabis medica sono stati in grado di svezzare gli steroidi. I pazienti trattati con la cannabis medica hanno riportato un sonno e un appetito migliori e senza effetti collaterali significativi.

È interessante notare che tutti i pazienti che hanno raggiunto la remissione hanno avuto una ricaduta entro due settimane dalla sospensione del trattamento con cannabis medica.

 

Rapporti pubblicati e statistiche

Nel 2019 sono stati pubblicati due rapporti che hanno esaminato le cartelle cliniche attraverso il database National Inpatient Sample, consentendo ai ricercatori di accedere a migliaia di cartelle cliniche.

Il primo rapporto ha esaminato 615 pazienti affetti da morbo di Crohn ricoverati in ospedale che hanno fatto uso di cannabis medica e non (legalmente o meno) e li ha confrontati con i pazienti affetti da morbo di Crohn che non hanno fatto uso di cannabis.

È stato scoperto che i consumatori di cannabis hanno:

  • Malattia meno restrittiva (formazione di cicatrici secondarie all'infiammazione intestinale cronica)
  • Meno ostruzioni intestinali
  • Meno fistole e ascessi
  • Soggiorni ospedalieri più brevi
  • Meno trasfusioni di sangue
  • Meno interventi di colectomia (rimozione del colon)

Abbiamo tante altre cose da dirti, cosa ti può interessare?

CHE COS'É IL CBD?

SCOPRI I PRODOTTI

PERCHÉ SCEGLIERE ENECTA?

Vuoi saperne di più? Scarica la nostra guida completa sul CBD, completamente gratuita.

Ti basterà inserire l'indirizzo mail a cui vuoi ricevere il PDF

New call-to-action

 

0 commenti

"