→ SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 20 EURO → Consegna in Max 2 gg lavorativi - 3 gg per le isole

Efficacia della cannabis terapeutica per bambini epilettici

    INDICE

 

Crisi improvvise ed effetti devastanti, sono questi gli aspetti che caratterizzano l’epilessia, una malattia che solo in Italia colpisce 500mila persone tra uomini, donne e bambini.

Tuttavia, come abbiamo già avuto modo di raccontare, interessanti novità in ambito terapeutico arrivano dalla Cannabis, soprattutto per i malati resistenti ai farmaci tradizionali.

Un Tema di cui si è discusso in un apposito convegno a Padova dove è stato messo in evidenza come la Cannabis, in particolare le molecole estratte come il CBD, possano essere in grado di controllare le crisi nei bambini, con risultati promettenti per tutti i pazienti farmacoresistenti.

Il cannabidiolo (CBD), come emerge da alcuni studi più recenti, si sta dimostrando efficace in pazienti farmacoresistenti per alcune forme più gravi di epilessia, con una riduzione della frequenza delle crisi di quasi la metà. In futuro, in Italia, potrebbe diventare un’alternativa di cura per decine di migliaia di persone”, spiega ad Askanews Marilena Vecchi, neuroepilettologa del Dipartimento della Salute della donna e del bambino dell’A.O. di Padova, responsabile del Centro di riferimento Nazionale LICE per la Diagnosi e Cura dell’Epilessia Infantile.

 

 

“La terapia farmacologica classica funziona nel 70% dei casi, nel restante 30% i malati vanno indirizzati verso soluzioni alternative, come la chirurgia resettiva e la dieta chetogenica – spiega l’esperta – e risultati promettenti sono stati dimostrati, più recentemente, per il cannabidiolo. Gli studi clinici randomizzati e controllati, condotti negli Stati Uniti e in Europa, hanno iniziato a mostrare e confermare l’azione antiepilettica di questa sostanza, contenuta nella cannabis sativa e già autorizzata in Italia per gravi patologie. I risultati, pubblicati nel 2017 e 2018, hanno evidenziato la sua efficacia nei pazienti con epilessie farmacoresistenti come la sindrome di Dravet e la sindrome di Lennox Gastaut, due forme di epilessia molto grave associata a disabilità, mostrando oltre che un profilo di sicurezza buono, la riduzione della frequenza delle crisi del 35-40% nel periodo di trattamento rispetto al periodo basale”.

 

“Gli studi hanno visto per la prima volta l’azione di un farmaco a base di cannabidiolo testato su ampie popolazioni, con pazienti maggiormente rappresentati di età compresa tra i 2 e i 18 anni. Sia nello studio condotto per la sindrome di Dravet che in quello per la sindrome di Lennox Gastaut è stata analizzata la riduzione della frequenza delle crisi nei soggetti trattati con cannabidiolo e in quelli trattati con placebo, e per entrambi gli studi – sottolinea Vecchi – è stata dimostrata una riduzione statisticamente significativa delle crisi più invalidanti, crisi convulsive per i Dravet e crisi di caduta per i Lennox-Gastaut”.

 

Per saperne di più

- Enecta, come agisce il CBD nelle sindrome di Dravet

- Conosci il CBD?

- CBD ed Epilessia, lo Studio condotto sui bambini

 

Se hai trovato interessante questo articolo metti Mi piace alla Pagina Facebook Enecta e sarai sempre aggiornato sulle notizie e le novità che riguardano il mondo della Cannabis e del CBD!

CANNABIS TERAPEUTICA PER IL TRATTAMENTO DEL DOLORE: SCARICA LA GUIDA

 

ARTICOLI CORRELATI

Sindrome di Dravet, come agisce il CBD (Cannabidiolo)?

 

CONTINUA A LEGGERE

L’efficacia del CBD nella sindrome di Lennox - Gastaut

Il cannabidiolo (CBD) è particolarmente utile per il trattamento dei sintomi della sindrome di...

CONTINUA A LEGGERE

CBD ed epilessia: tutto quello che devi sapere

Epilessia farmaco resistente e non solo. Il cannabidiolo apre nuovi scenari per il trattamento...

CONTINUA A LEGGERE
"